28 febbraio 2010

Partenze viola

di Pino Cabras - Megachip.


ROMA - Osservo il popolo viola arrivare alla spicciolata dalle vie che confluiscono su Piazza del Popolo, in una giornata tiepida. Volgo poi gli occhi verso i piani più alti dei palazzi, per immaginare come possa apparire il flusso da lassù. Chissà se fra gli attici che si affacciano su queste vie c'è anche qualcuno dei tanti lussuosi rifugi di Gennaro Mokbel, il più recente nome, prima sconosciuto, dell'eterna capitale corrotta, dell'eterna nazione infetta.

Due mondi lontanissimi, quegli attici e questa piazza, eppure compresenti dentro la grande pancia dell'Urbe, che digerisce tutto, come sempre: sia le mille manifestazioni sia il potere sempre più smodato e senza contrappesi di un ceto affaristico-politico criminale fra i più avidi del pianeta. Senza referenti politici forti le une, e senza progetto l'altro, se non quello di arraffare. Su tutto veglia – si fa per dire – la Procura romana.
Il bersaglio dei viola è sempre il dominus del gioco politico, Silvio B., il più intoccabile degli arraffatori. Per l'annunciato crepuscolo dell'avventura berlusconiana, anche questa manifestazione popolare riesce a mandare un segnale che si aggiunge a tanti altri segnali di declino, e quindi va bene.
Eppure va detto: non si tratta di un segnale forte. Gli organizzatori hanno alluso a 50mila partecipanti, qualcuno si è spinto a un mirabolante 200mila. Ma a ben guardare i vuoti della piazza, non c'erano più di 15mila persone. Le recenti giravolte di Antonio Di Pietro – che in Campania appoggia un candidato rinviato a giudizio - avevano già sgomentato in primo luogo gli intellettuali vicini al partito dell'Italia dei Valori, ma sicuramente un contraccolpo c'è stato su tutto il movimento viola. Un movimento orgogliosamente capace, sì, di pagarsi i costi della manifestazione, ma davvero attaccato a sponde politiche troppo deboli, friabili, inaffidabili. Non c'è una classe dirigente in grado di dare sbocco al fermento, e il fermento perciò si affievolisce.
Gianfranco Mascia, uno degli animatori delle iniziative viola, dal palco fa appello a impegnarsi «per passare dal Basta all'Ancora», ossia dalla protesta alla proposta. Ma quando Di Pietro ha già svalutato la piazza come un luogo «sterile», è difficile vedere da qualche parte un barlume di classe dirigente davvero alternativa.
La piazza sarebbe pure punteggiata dai gazebo delle flebili voci dell'opposizione che fu. Vedo la Federazione della sinistra Prc-Pdci. Vedo i Verdi. E Sinistra e Libertà. E le bandiere Idv. E quelle sparute del Pd. E poi i giornali che sempre sono stati presenti in questa piazza con altri colori e altre stagioni: vedo la gloriosa «Unità», «il manifesto» splendido quarantenne acciaccato, e il recente «Terra». Non manca «Liberazione». Maglioni viola, foulard e pantaloni viola sfiorano con un residuo rispetto gli striscioni che promuovono queste tribune sempre più marginali, ma sembra prevalere una più sostanziale indifferenza. Che si tramuta poi in un applauso molto critico, amaro e ironico quando l'attore Andrea Rivera, dal microfono, urla alcune spietate invettive contro quel che rimane della sinistra.
Dall'altro lato della piazza, impassibili, vedo i gruppi giovanili di tendenza Emo e le Gothic Lolitas, che proprio sulle scalinate della chiesa di Santa Maria in Montesanto hanno da tempo localizzato la loro nuvola di depressione, colorata di un altro viola lontano dalla politica. Altrettanto impassibili decine di poliziotti, lì a un passo. Emo e poliziotti, seppure così stridenti, vestono entrambi in uniforme, in fondo.
Proprio nel giorno della manifestazione il quotidiano francese «Le Monde» scrive che l'Italia è arrivata «all'anestesia totale, alla sonnolenza collettiva, alla narcosi», una passività da paese che non fa i conti con la sua eterna autobiografia, il fascismo.
Eppure sento l'applauso della piazza al breve discorso di Mario Monicelli, classe 1915, energico come un ragazzino: «Sono qui per dirvi non mollate, dovete tenere duro, spazzare via tutta la classe dirigente del Paese». È l'applauso di un sottile strato della società italiana. Prezioso ma sottile. È il famoso “ceto medio riflessivo”. Questo tutto sommato è in piazza: un piccolo sismografo che registra movimenti che il grosso della popolazione non avverte ancora, anche se lungo le linee di frattura della società si stanno accumulando energie e tensioni fortissime. Forse «Le Monde» legge questo silenzio come definitivo, mentre sembra solo preludere a un terremoto politico vasto.
La piazza viola è già pronta al giorno in cui il Caimano avrà il suo basta, salvo colpi di coda. Non è però ancora attrezzata per essere l'alternativa. Per cui dovrà studiare la politica e l'analisi della società italiana proiettandola ben oltre la stagione di Silvio B.


Pubblicato su Megachip: QUI.

27 febbraio 2010

El Consejo de Castas y el “Obsceno”

por Pino Cabras - Megachip.



Las señales ya eran muchas, pero el escándalo de Fastweb, que se añade al de Bertolaso (Jefe de la Protección Civil italiana que está siendo investigado por haber favorecido, supuestamente, a algunos empresarios en la concesión de obras públicas a cambio de favores), es una señal aún más fuerte, por como revela la imposibilidad de distinguir – en el seno de las clases dirigentes italianas – entre empresarios corsarios, mafias

que se están expandiendo financieramente, políticos y administración pública. Es un único enredo que sale de el “Obsceno”, es decir desde el “detrás de escena”, desde lo oculto. Así se hincha la turbina que arrasará la Segunda República.

Un poder que no se veía, que no se sentía, que no se tocaba, que muchos no querían ni siquiera contar, pero que ahora ya no podrán ignorar.
Sin embargo por ahora no nace una rebelión moral “espontánea”, no puede nacer del desierto de la política de estos años, la cual ha hecho evaporar los partidos. Si ahora se siente el escándalo y si dentro de poco provocará movimientos, será “mérito” de la Gran Crisis económica y financiera, que seguramente traerá perjuicios a la sociedad, a clases sociales enteras, a los territorios más débiles del País, pero también golpeará al poder, a sus relaciones, a lo que une el clientelismo y el robar.

También Tangentopoli ("Ciudad del soborno": Milán), surgió en un momento de un fuerte desbande económico. Como dice el economista Joseph Stiglitz “siempre es verdad que cualquier cosa que sea insostenible no permanecerá sostenible para siempre”. La etapa terminal de la Segunda República es una de las cosas insostenibles.

La de Stiglitz es una regla de valor general. En cada país, no solo en Italia, el “Obsceno” vuelve a la escena, a pesar de los intentos extremos de atrasar la rendición de cuentas.

Los Estados se han desangrado para tratar de postergar los efectos de la crisis, pero los resultados se prevén destructivos. Trillones de dólares creados de la nada han ralentizado el enroscarse “sistemático” de la crisis financiera global, pero se trata de una prórroga que tendrá costos inmensos, dado que no se ha resuelto ningún problema estructural. Ciertamente esos remedios no son repetibles. La crisis se descongela y chorrea. La burbuja del déficit está lista para estallar y lo hará convirtiendo a los Estados incapaces de cumplir con muchos de sus deberes.

Esos locos que parrafean de una crisis que ya quedó tras sus espaldas, comenzarán a enmudecer, cuando los ojos y los raid especulativos apunten hacia los Estados próximos a fracasar, cuando vean alzarse las tasas de desempleo, cuando se delinee el final de los amortiguadores sociales para millones de familias, cuando sea evidente la caída repentina de la prestación de servicios públicos, incluso aquellos más consolidados, cuando las castas militares-empresarias sean las únicas que prosperen, en medio de la incapacidad de crear opciones creíbles de gobernación planetaria. Todas tendencias que de hecho ya están en curso.

Los bancos – de un lado y del otro del Atlántico – recomenzaron su carrera, pero esta será más corta, frente a los próximos vencimientos de la enorme burbuja de la deuda.

Lo sucedido en Grecia es una muestra fundamental para tratar de entender lo que nos espera a todos. Pero ahora es difícil comprender por qué las noticias filtradas por la mayor parte de los órganos de información del mainstream miente. Si no fuese así ninguno osaría decir todavía que “lo peor ya pasó”.

En Italia la burbuja de propaganda del gobierno berlusconiano – que de hecho ha cooptado a gran parte de la supuesta oposición – ha podido mantenerse corrompiendo el balance. Pero la conocemos, no es necesario de insistir demasiado sobre este punto.

No es un problema meramente local. Por cualquier lado la propaganda de los gobiernos ha manipulado y dominado más allá de toda racionalidad, la interpretación de los datos de la Gran Crisis. ¿Cómo funciona esta extraña propaganda?

El grupo de analistas de “Europe2020” hace notar por ejemplo que Barack Obama hizo su usual papelón retórico cuando declaró su férrea intención de “reducir la dependencia americana de la deuda”, pero lo hizo mientras autorizaba un aumento sin precedentes del techo de la deuda (de 1,9 billones de dólares a 14,3 millones de dólares). Una diferencia absurda entre lo dicho y lo hecho: pero esto es la marca de fábrica de Obama en todo campo. ¿Funciona? Más o menos. El imprinting informativo dura, pero mientras tanto Obama es muy poco popular.

¿Y qué decir entonces de Nicolas Sarkozy, quien nada menos “prevé” una caída de la desocupación francesa? La realidad es que el enigma para las relaciones industriales de más allá de los Alpes es simplemente terrible: cómo manejar un millón de personas que en el 2010 ya no tendrán más subsidios sociales debido a la pérdida de puestos de trabajos. Y también Sarko es poco popular.

Incluso en Gran Bretaña la verdadera realidad todavía no ha llamado bien a la puerta a nivel social. El hecho es que en mayo hay elecciones. Hoy, mientras los periódicos de la City le critican el Euro por la crisis griega, ocultan el hecho de que en Londres se está incubando una crisis 10 veces más catastrófica. Con las urnas abiertas, o incluso antes, el “Obsceno” aparecerá nuevamente en escena, también allí.

China, para ahogar sus contradicciones, grandes como un continente, ha aumentado en otro 10% la torta de su PBI en el lapso de un año, pero ha inflado una burbuja de crédito dificilísima de controlar, específicamente en el sector inmobiliario, mientras se delinea una clásica crisis de superproducción. Sin embargo el “detrás de escena” es una realidad más dinámica en Pekín.

¿Entonces qué esconden los ruidillos italianos, además de un país en declive? ¿Qué es lo que anuncia la dramática crisis griega?

En realidad son manifestaciones de una crisis sistemática más vasta. Son los árboles que esconden una selva de deudas mucho más peligrosas (en Estados Unidos y el Reino Unido) y además son el primer paso de una etapa decreciente de la economía mundial guiada por los Estados Unidos.
Los líderes del club anglosajón y sus medios de comunicación tratan de debilitar el atractivo de la zona euro, en un momento en que Estados Unidos y el Reino Unido tienen cada vez más dificultades para atraer capitales sin los cuales quebrarían, visto el sustrato espantosamente deteriorado de sus economías.

Esperan – aquí están los dos pájaros con un tiro – que el Fondo Monetario Internacional, en sus manos, logre hacer algo en la Eurozona, donde hasta ahora no han tomado pie. Quizás lo logren con un viejo asset de Goldman Sachs como Mario Draghi.

Cada casta buscará un camino de salida, o una fuga hacia el futuro, siguiendo las ideologías y las relaciones sociales y de poder que la sostienen. En Italia, la Casta gelatinosa parece estar en crisis. Berlusconi todavía mete en el campo la opción peduista de la subversión constitucional. Por lo tanto es peligroso y hay que detenerlo.

Por otras partes las insidias son diferentes. Crecen las tensiones de fondo del gran juego que desde Medio Oriente lleva a la China. Es decir crecen las chances para las castas militaristas. El aumento de la tensión retórica alrededor de Irán va en esa dirección. El riesgo de fondo de una guerra de grandes dimensiones, se prepara madrigueras cada vez más cómodas. Y también este peligro debe ser detenido.


(25 de Febrero de 2010)

Versión italiana del artículo: aquí.

Traducción en español por Maria José Lastra.

25 febbraio 2010

11-S: Vinculan tripulantes con el Pentágono

Un pezzo sul sito argentino MediosLentos - un organo di informazione che ha vinto il premio Eter 2009 quale migliore radio di internet - racconta di un mio recente articolo.




Por Rafael García Palavecino
- medioslentos.com.

"En los cuatro vuelos, el 75 por ciento de los pasajeros estaban relacionados directamente con el Pentágono", según plantean los trabajos de Pino Cabras y Thierry Meyssan. Ellos son investigadores independientes de los sitios Megachip y Red Voltaire, respectivamente y se basan en los estudios biográficos de los pasajeros que abordaron los vuelos. Varios tripulantes estarían involucrados en el desarrollo de aviones piloteados a radio control.

La Gran Impostura, es el título de un controversial trabajo de investigación de la autoría de Thierry Meyssan, periodista fundador de Red Voltaire (www.voltairenet.org). En su trabajo, plantea varios interrogantes sin respuesta del 11-S, y enfoca en el vuelo 77 que se estrelló en el Pentágono. Si bien mucho se ha dicho sobre las inconsistencias de la investigación oficial, nuevos elementos salen a la luz a desafiar la hipótesis impuesta.

Es en Strategie per una guerra mondiale de Pino Cabras, donde se elabora una incómoda conclusión a partir de la extraña proporción de personas del sector militar que viajaron en el vuelo 77. Entre las 58 personas que viajaban en dicho vuelo había una gran proporción de pasajeros (entre 16 y 21) que trabajaban encubiertos para el sector de la defensa.

"La mayoría de esas personas eran ingenieros aeroespaciales. Uno de ellos, el señor Yamnicky, era desde hacía mucho tiempo agente operativo de la CIA y trabajaba como ingeniero aeroespacial para Veridian. Otro pasajero de esa lista, el señor Caswell, dirigía un equipo de un centenar de científicos de la Marina de Guerra estadounidense. Otros trabajaban para la Boeing y Raytheon en El Segundo (California) en el marco de un proyecto nombrado Black Hawk", publicó Cabras en su artículo.

Cabras recogió información de Internet y de notas necrológicas de días posteriores a los atentados. Entre los individuos que estudió, se destacan los siguientes detalles de la vida de algunas de esas víctimas:

William E. Caswell, físico de 3ª generación cuyas funciones en el seno de la US Navy eran tan secretas que su familia prácticamente no sabía absolutamente nada de su quehacer cotidiano. Ni siquiera sabían con precisión por qué fue enviado a Los Ángeles en aquel maldito vuelo de American Airlines el 11 de septiembre de 2001. En una publicación de la Universidad de Princeton, el director de Tesis de Caswell supo que la US Navy buscó un físico de su calibre, incorporándolo a sus filas para desarrollos de avanzada tecnología.
Stanley Hall, de 68 años, era de Rancho Palos Verdes, California. Fue director del programa en Raytheon Co. "Era un maestro en guerra electrónica", explicó uno de sus colegas de la firma proveedora del Departamento de Defensa estadounidense. Hall había desarrollado y perfeccionado varias tecnologías antirradar.
Keller, Chandler ‘Chad’ Raymond, era de Manhattan Beach, California y un eminente ingeniero especializado en propulsión y además jefe de proyecto en Boeing Satellite Systems.

Dong Lee, 48 años, de Leesburg, Virginia, era Ingeniero en Boeing Co (empresa contratista con miembros dentro de la comisión investigadora oficial del 11-s, la cual es coordinada por Henry Kissinger).

Ruben Ornedo, 39 años, de Los Ángeles, era ingeniero en propulsión en Boeing.
Charles F. Burlingame III, de 52 años, egresado de la US Naval Academy en 1971 y capitán del vuelo 77 de American Airlines. A su vez era reservista de la Marina de Guerra e incluso había trabajado en el ala del Pentágono contra la que se estrelló su avión (según la versión oficial, claro).

Con respecto a Stanley Hall, de Raytheon Co., cabe destacar que tres empleados de esa empresa se encontraban en el vuelo 11 de American Airlines que impactó en la torre norte del WTC. Raytheon es uno de los principales proveedores del Departamento de Defensa y constituye un elemento fundamental para las tecnologías Global Hawk de control a distancia que tanto aprecia el Pentágono, un factor que suma a la hipótesis que plantea el implemento de aviones teledirigidos (el 11 de septiembre de 2001). De esa hipótesis se desprende un elemento que para nada se debe pasar por alto: en octubre de 2001, un artículo del USA Today anunciaba que la corporación había teleguiado en seis ocasiones, un Boeing 727 de Fedex durante un aterrizaje sin piloto, perfectamente ejecutado en una base aérea de Nuevo México, en agosto de 2001, noticia que también recogió Space Daily.

Link: http://www.medioslentos.com/content/11-s-vinculan-tripulantes-con-el-pentagono.

La scacchiera delle Caste e l'Osceno

di Pino Cabras - da Megachip.

I segnali erano già tanti, ma lo scandalo Fastweb, in aggiunta a Bertolaso, è un segnale ancora più forte, per come mette a nudo l'impossibilità di distinguere – in seno alle classi dirigenti italiane – fra imprenditori corsari, mafie in espansione finanziaria, politici e amministrazione pubblica. È un unico groviglio che esce dall'«Osceno», ossia dal fuori scena, dall'occulto. Si gonfia così il turbine che travolgerà la Seconda Repubblica.

Un potere che non si vedeva, che non si sentiva, che non si toccava, che molti non volevano nemmeno raccontare, ma che ora non potranno più ignorare.

Per ora non nasce tuttavia una ribellione morale “spontanea”, non può nascere dal deserto della politica di questi anni, che ha fatto evaporare i partiti. Se ora lo scandalo si sente e se fra un po' creerà movimenti, sarà “merito” della Grande Crisi economica e finanziaria, che farà certo danni alla società, a intere classi sociali, ai territori più deboli del Paese, ma tempesterà anche il potere, le sue relazioni, il collante delle clientele e delle ruberie.

Anche Tangentopoli emerse in un momento di forte sbandamento economico. Come dice l'economista Joseph Stiglitz «rimane vero che qualsiasi cosa sia insostenibile non è sostenibile per sempre». La fase terminale della Seconda Repubblica è una di quelle cose insostenibili.

È una regola di valore generale, quella di Stiglitz. In ogni paese, non solo in Italia, l'Osceno rientra in scena, a dispetto degli estremi tentativi di ritardare il rendiconto.

Gli Stati si sono dissanguati per cercare di rinviare gli effetti della crisi, ma gli esiti si annunciano distruttivi. Trilioni di dollari e di euro creati dal nulla hanno rallentato l'avvitarsi «sistemico» della crisi finanziaria globale, ma si tratta di una dilazione che avrà costi immensi, intanto che non si è risolto nessun problema strutturale. Di certo quei rimedi non sono ripetibili. La crisi si scongela e percola. La bolla del disavanzo è lì per scoppiare, e lo farà rendendo gli Stati incapaci di adempiere a molti dei loro doveri.

Quei pazzi che sproloquiano di una crisi ormai alle spalle cominceranno ad ammutolire, quando gli occhi e i raid speculativi punteranno verso Stati vicini a fallire, quando vedranno i tassi di disoccupazione impennarsi, quando si profilerà la fine degli ammortizzatori sociali per milioni di famiglie, quando si noterà il crollo repentino delle prestazioni dei servizi pubblici, anche quelli più consolidati, quando le caste militari-industriali saranno le uniche a prosperare, in mezzo all'incapacità di creare percorsi credibili di governance planetaria. Tutte tendenze già in atto, del resto.

Le banche – al di là e al di qua dell'Atlantico - hanno ripreso la loro corsa, ma questa sarà breve, di fronte alle scadenze ravvicinate dell'enorme bolla del debito.

La vicenda della Grecia è un banco di prova fondamentale per cercare di capire cosa si prepara per tutti noi. Ora però è difficile comprendere, perché le notizie filtrate dagli organi di informazione mainstream perlopiù mentono. Se non fosse così, nessuno oserebbe dire ancora che “il peggio è passato”.

In Italia la bolla della propaganda del sistema berlusconiano - che ha cooptato di fatto gran parte della presunta opposizione - ha potuto reggere corrompendo il bilancio. Ma la conosciamo, non è il caso di insistervi troppo qui.

Non è un problema solo nostrano. Ovunque la propaganda dei governi ha manipolato e dominato oltre ogni ragionevolezza l'interpretazione dei dati della Grande Crisi. Come funziona questa strana propaganda?

Il gruppo di analisti di Europe2020 fa notare ad esempio che Barack Obama ha fatto il suo solito figurone retorico quando ha dichiarato la sua ferma intenzione di "ridurre la dipendenza americana dal debito", ma lo ha fatto mentre intanto autorizzava un aumento senza precedenti del tetto del debito USA (da 1900 miliardi di dollari a 14300 miliardi di dollari). Un divario pazzesco tra il dire e il fare: ma questo è il marchio di fabbrica di Obama, in ogni campo. Funziona? Sì e no. L'imprinting informativo dura, ma intanto Obama è molto impopolare.

Che dire allora di Nicolas Sarkozy, il quale nientemeno “prevede” una caduta nella disoccupazione francese? La realtà è che il rebus per le relazioni industriali d'Oltralpe è semplicemente terribile: come gestire un milione di persone che nel 2010 non avranno più sussidi sociali per via della perdita di posti di lavoro. E anche Sarko è impopolare.

Pure in Gran Bretagna la realtà vera non ha ancora bussato bene dalle parti del discorso pubblico. Il fatto è che a maggio si vota. Così come è accaduto in Grecia, il popolo non può sapere la verità prima delle elezioni. Oggi, mentre i giornali della City bacchettano l'Euro per la crisi greca, nascondono il fatto che a Londra cova una crisi dieci volte più catastrofica. A urne aperte, o forse anche prima, l'Osceno tornerà in scena, anche lì.

La Cina, per affogare le sue contraddizioni grandi come un continente, ha ingrandito la torta del suo PIL di un altro 10% in un anno, ma ha gonfiato una bolla di credito difficilissima da controllare, specie nel settore immobiliare, mentre si profila una classica crisi da sovrapproduzione. L'Osceno è una realtà tuttavia più dinamica, a Pechino.

Cosa nascondono dunque gli scricchiolii italiani, oltre a un paese in declino? A cosa prelude la drammatica crisi greca?

In realtà sono manifestazioni di una crisi sistemica più vasta. Sono gli alberi che nascondo una foresta di debiti assai più pericolosi (in USA e UK) e sono anche il primo passo di una nuova fase calante dell'economia mondiale a guida USA.

I leader del club anglosassone e i loro media tentano di indebolire l'attrattiva della zona euro nel momento in cui USA e UK hanno sempre più difficoltà ad attirare i capitali senza i quali crollerebbero, visto il sostrato paurosamente deteriorato delle loro economie. Sperano - ecco i due piccioni con una fava - che il Fondo Monetario Internazionale, in mano loro, arrivi a gestire qualcosa nell'Eurozona, dove ora non hanno presa. Magari ci riescono con un vecchio asset di Goldman Sachs come Mario Draghi.

Ogni casta cercherà una via d’uscita o una fuga in avanti, seguendo le ideologie e i rapporti sociali e di potere che la sostengono. In Italia la Casta gelatinosa appare in crisi. Berlusconi mette ancora in campo l’opzione piduista dell’eversione costituzionale. Perciò è pericoloso e va fermato.

Altrove le insidie sono diverse. Crescono le tensioni di fondo del grande gioco che dal Medio Oriente porta in Cina. Crescono cioè le chance per le caste militariste. L’aumento della tensione retorica intorno all’Iran va in quella direzione. Il rischio di fondo di una guerra di vaste proporzioni si scava nicchie sempre più comode. E anche questo pericolo andrà fermato.


22 febbraio 2010

Un ex capo degli 007 francesi demolisce il mito del "pericolo Bin Laden"

di Pino Cabras – da Megachip.



«Al-Qa'ida è morta», ormai da molti anni. Lo afferma Alain Chouet, l'uomo che ha modellato l'antiterrorismo francese ai vertici dei servizi segreti d'Oltralpe proprio negli anni cruciali in cui Washington e Londra costruivano invece i miti e gli spauracchi alla base della Guerra Infinita. Il documento è davvero clamoroso, nasce da un'audizione al Senato francese, e lo trascriviamo per intero (vedi anche il VIDEO).

Nelle parole di Chouet potrete leggere – grazie al lavoro di registrazione e trascrizione del sito francese ReOpen911.info - un'analisi raffinata, ironica, acutissima, che farebbero bene a leggere anche i propagandisti della paura in servizio permanente presso i principali organi d'informazione italiani.

La relazione di Chouet si è tenuta in occasione del dibattito svoltosi a fine gennaio 2010 davanti alla Commissione Esteri. L'esperto della DGSE, con una carriera in grande misura giocata in rapporto al mondo musulmano, parla senza le rigidità della 'lingua di legno' dei diplomatici.

Mentre la grancassa dei media ribatte ancora i suoi ritmi isterici per preparare le future azioni militari (probabilmente in Iran), intanto che si nasconde il fallimento delle ultime operazioni obamiane in Afghanistan dietro incredibili bollettini trionfali, l'ascolto e la lettura di questo documento ci riporta tutti al mondo reale, dove si sbriciolano le fondamenta di tutte le narrative ufficiali sulla questione terrorismo dell'ultimo decennio.

____________________________________________________

Trascrizione della audizione di Alain Chouet alla Commissione degli Affari Esteri del Senato, il 29 gennaio 2010


"Queste domande non mi paiono poi così bizantine come sembrerebbe: anch'io, come un buon numero di colleghi che fanno la mia professione sparsi per il mondo, ritengo - sulla base di notizie serie e dettagliate - che sul piano operativo al-Qa'ida è morta in quelle tane per topi di Tora-Bora nel 2002.

I servizi pakistani si sono limitati poi, dal 2003 a 2008, a rifilarci qualche rimasuglio in cambio di favori o di tolleranze di varia natura.

Dei circa 400 membri attivi dell'organizzazione esistente nel 2001, meno di una cinquantina di "comparse", (eccetto Osama Ben Laden e di Ayman al-Zawahiri che non hanno avuto mai nessun ruolo sul piano operativo) sono riusciti a fuggire e nascondersi in zone remote, vivendo in condizioni di vita precarie e disponendo di mezzi di comunicazione rudimentali o incerti.

Non è con un tale dispositivo che si può attivare su scala planetaria una rete coordinata e organizzata di violenza politica. Appare del resto chiaramente che nessuno dei terroristi autori degli attentati post 11-settembre (Londra, Madrid, Charm-el-Sheikh, Bali, Casablanca, Djerba, Mumbai, eccetera) ha mai avuto contatto con l'organizzazione.

Quanto alle rivendicazioni più o meno tempistiche che sono state rilasciate di quando in quando da Bin Laden o da Zawahiri, anche supponendo di poterle realmente autentificare, esse non implicano nessun collegamento operativo, organizzativo e funzionale fra questi terroristi e le vestigia dell'organizzazione .

Tuttavia, mi vedo obbligato a constatare, anch’io come tutti gli altri, che - a forza di invocarla a ogni proposito, e spesso a sproposito, non appena viene commesso un atto di violenza da un musulmano, o non appena un musulmano si trova nel luogo sbagliato al momento sbagliato (come nella vicenda della fabbrica AZF a Tolosa) o addirittura quando non c'è neanche traccia di un musulmano (come nel caso degli attacchi all’antrace negli stati Uniti) a forza di invocarla permanentemente - un certo numero di media piuttosto approssimativi e alcuni sedicenti esperti da una parte all’altra dell'Atlantico hanno finito non tanto per risuscitarla, ma per trasformarla in una specie di “Amedeo” dell'autore Eugène Ionesco, questo morto il cui cadavere non smette di crescere e di nascondere la realtà e di cui non si sa più come sbarazzarsi. L'ostinazione incantatoria degli Occidentali nell'invocare la mitica organizzazione Al-Qa'ida, (che viene qualificata come iperterrorista non per ciò che ha fatto, ma perché ha affrontato un’iperpotenza), ha avuto rapidamente due effetti perversi:

Primo effetto: Qualsiasi contestatore violento nel mondo musulmano, tanto politico quanto di diritto comune, qualunque fossero le sue motivazioni, ha compreso rapidamente che doveva richiamarsi ad Al-Qa'ida se voleva essere preso sul serio, se voleva che la sua azione godesse di una legittimità riconosciuta dagli altri e se voleva che questa stessa azione avesse risonanza internazionale.

Parallelamente a ciò, tutti i regimi del mondo musulmano – che come ben sappiamo non sono tutti virtuosi - hanno subito ben capito che avevano tutto l’interesse a fare passare i loro oppositori ed i loro contestatori, qualunque essi fossero, per membri dell'organizzazione di Bin Laden, in modo da poterli reprimere tranquillamente e, se possibile, anche con il beneplacito degli Occidentali.

E da qui nasce una proliferazione di varie Al-Qa'ida, più o meno evocate o autoproclamate, in Afghanistan, in Iraq, in Yemen, in Somalia, in Magreb, e altrove "Al-Qa'ida nella penisola arabica”

Il principale risultato di questa dialettica imbecille è stato evidentemente quello di rafforzare il mito di una Al-Qa'ida onnipresente, rannicchiata dietro ogni musulmano, pronta a strumentalizzarlo per colpire l'Occidente in generale e gli Stati Uniti in particolare nel nome di non si sa bene quale perfidia.

Questa visione procede da moltissimi errori di valutazione e di prospettiva e soprattutto genera risposte totalmente inadatte.

Perché se Al-Qa'ida non esiste, la violenza politica islamista invece esiste, eccome. E l'Occidente non ne è che una vittima indiretta e collaterale. Gli ideologi della violenza islamica non sono degli invasati: sono persone che hanno obiettivi ben precisi. Ed il loro obiettivo non è quello di islamizzare il mondo bensì quello di prendere il potere e con esso ricchezze che gli son legate nel mondo musulmano senza che l'Occidente intervenga... Un po’ come fece all’epoca Hassan al-Tourabi in Sudan.

Così, anche se l'amor proprio degli Occidentali dovrà soffrirne, bisogna ripetere senza mai stancarsi che le principali, le più numerose e le prime vittime della violenza islamista sono i musulmani stessi.

L'epicentro di questa violenza islamista non è né in Afghanistan né in Iraq; è in Arabia Saudita. È questo paese che affrontava per primo il manifesto contro gli ebrei e i crociati che,alla fine degli anni Novanta, era il testo fondante dell'organizzazione di Bin Laden, e questo manifesto mirava alla famiglia reale saudita prima che agli ebrei e ai crociati.

Questo è anche il solo paese al mondo a portare un cognome (NdR: in riferimento ad Ibn Saud, fondatore della dinastia).

Fatte le debite proporzioni, l'Arabia Saudita si trova in una situazione paragonabile a quella del primo semestre1989. Una famiglia ha preso il potere nel 1926 accampando la sua legittimità su una ipotetica discendenza divina e usurpando la custodia dei luoghi santi dell'Islam ai suoi titolari storici appartenenti alla famiglia degli ascemiti.

Questa famiglia, i Saud, composta oggi da circa 3mila principi, esercita senza condividerlo la totalità del potere e si accaparra la totalità di una rendita astronomica che proviene dallo sfruttamento del sottosuolo più ricco al mondo in termini di idrocarburi.

Per conservare la sua legittimità di fronte a qualsiasi tipo di contestazione, la famiglia saudita ha sbarrato la strada a ogni forma di espressione democratica o pluralistica. Adotta la pratica dell'Islam più fondamentalista possibile per mettersi al riparo da ogni forma di scavalcamento in questo campo, (un poco come l'URSS che non voleva uno "scavalcamento a sinistra”, la famiglia saudita non vuole "scavalcamenti in Islam"). Col tempo però gli effetti delle enormi rendite degli idrocarburi hanno dato origine a diverse forme di commercio e di industria alle quali i principi, come tutti i principi, non avrebbero potuto far fronte senza derogare alle misure finora adottate e hanno quindi concesso dietro pagamento la partecipazione ai benefici a imprenditori non di rango in maggior parte provenienti da paesi vicini ma stranieri, ovviamente musulmani, soprattutto yemeniti e in un larga misura ai Levantini (siriani, libanesi, palestinesi)

E mentre il futuro del petrolio è incerto, questi imprenditori fanno osservare a giusto titolo (come i cittadini del Terzo Stato nel 1789), che sono loro che "mandano avanti la baracca” e preparano il futuro del paese e che in queste condizioni non sarebbe che una questione di giustizia associarli in un modo o nell'altro o all'esercizio del potere o alla gestione di una rendita che la famiglia regnante - ve lo ricordo - ritiene di diritto di sua proprietà personale.

Problema: come far passare queste rivendicazioni in un paese dove ogni forma di espressione pluralistica è esclusa per definizione? Quale legittimità può opporsi a un potere che si vanta dell’investitura divina? Quali pressioni possono essere esercitate su un regime familiare che beneficia a titolo personale dal 1945 - a seguito del patto di Quincy concluso tra il vecchio Bin Saud ed il presidente Roosevelt - della protezione politica e militare della superpotenza americana in cambio del monopolio dello sfruttamento degli idrocarburi?

È evidente che gli oppositori di questa teocrazia hanno a disposizione solo il ricorso ad una mescolanza più o meno dosata di violenza rivoluzionaria e di rilancio fondamentalista per combattere questo potere e i suoi protettori esterni. E non è dunque un caso se si trovano tra gli attivisti islamisti più violenti un numero significativo di figli di questa borghesia che sono privi di qualsiasi diritto politico ma sicuramente non dei mezzi né delle idee; e Osama Bin Laden è nel novero di costoro: si è trovato scaraventato nel campo della violenza, dell'integralismo dai nobili sauditi che ritenevano più sbrigativo fare proteggere gli interessi esterni del regno dai figli dei loro valletti piuttosto che dai propri. E’ il classico errore dei parvenus.

Nel corso delle loro picaresche avventure, questi giovani, questi figli della borghesia, hanno fatto brutti incontri, hanno subito cattive influenze, e sono ritornati in campo per addentare la mano del loro stesso padrone

È così che fin dalla metà degli anni Ottanta, si origina un gioco al rilancio permanente di carattere religioso volto al controllo dell'Islam mondiale tra la famiglia Saud ed i suoi rivali e oppositori sia all'interno sia all'estero, (rivalità sciite-sunnite, l'Iran-Arabia...) Questo gioco al rilancio si è tradotto essenzialmente, in mancanza di risorse umane (nei servizi segreti esteri), nel solo mezzo che invece non scarseggia in Arabia: il denaro.

I fondi spesso distribuiti in modo indiscriminato a tutto il mondo musulmano e alle comunità di immigrati sono finiti nelle tasche di coloro che potevano servirsene, vale a dire in quelle dell'unica organizzazione internazionale islamista largamente ben strutturata : l’associazione dei Fratelli Musulmani e in particolare delle sue ramificazioni più trasgressive e violente, come la Jamaa Islamyyah e altri gruppi islamisti di cui l’Al-Qa'ida di Bin Laden non ne era – secondo me - che una delle sue numerose espressioni. In effetti, ovunque la violenza jihadista attecchisca (nelle zone più vulnerabili del mondo musulmano), la sua genesi risale sempre alla medesima logica ternaria.

Primo elemento: un gioco al rilancio ideologico e finanziario del regime saudita...

Secondo elemento: un forte radicamento locale dell'associazione dei Fratelli Musulmani o delle sue emanazioni... che sanno mantenersi sapientemente in equilibrio tra le contraddizioni politiche, economiche e sociali, per aizzare le masse contro le autorità locali e per scoraggiare l'Occidente dal venire in loro soccorso o dall'intervenire: per essere tranquilli a casa propria bisogna rendere il mondo musulmano astioso e detestabile.

Terzo elemento: un vero debole da parte della diplomazia e dei "servizi" occidentali, americani in testa, per il sostegno nel mondo intero, spesso anche in chiave militare, in favore dei movimenti politici e fondamentalisti più reazionari sul piano religioso, usandoli come baluardi contro l'Unione Sovietica fino agli anni Novanta e anche nella politica di contenimento dell’Iran dopo gli anni Ottanta.

Questo cocktail di tre elementi provoca per ragioni molto diverse... gli stessi effetti in Pakistan, in Afghanistan, in Iraq, in Somalia, in Yemen, in l'Indonesia, nel Maghreb, nel Sahel fino alle aree di non-diritto rappresentate dalle comunità musulmane immigrate in Occidente ...

Non entrerò nei dettagli delle diverse situazioni di violenza politica, ma è logico osservare che, se queste si sviluppano tutte seguendo quasi lo stesso percorso, sta a significare che rispecchiano problematiche locali anche totalmente diverse coinvolgendo personaggi che comunicano assai poco tra loro. Se tutti si vantano di combattere sotto la stessa bandiera mitica, è perché sanno bene che quella bandiera rappresenta un formidabile spauracchio per i paesi occidentali in generale e gli Stati Uniti in particolare, che sono sempre visti come pronti a intervenire nei paesi con regimi fortemente controversi. Poi, naturalmente, Signora Benguigua, mi si potrebbe sempre obiettare che, poiché la violenza jihadista esiste realmente e cresce dappertutto secondo gli stessi schemi, poco importa che si chiami Al-Qa'ida, che non sarebbe che il nome generico di una qualche forma di violenza fondamentalista a livello mondiale. Un discreto numero di giornalisti adesso diventati più cauti ci parlano di una "Nebulosa A-Qa'ida": il problema è che una tale confusione semantica è la fonte di tutte le risposte sbagliate e di fatto esclude qualsiasi soluzione adatta al problema.

Esistono in effetti due modi di passare alla violenza terroristica politica.

O si costituisce un gruppo politico- militare organizzato gerarchizzato (con un leader, una missione, risorse, tattiche coordinate, un programma d'azione preciso, obiettivi definiti), il che lo inquadra come un esercito di professionisti della violenza pronto ad impegnarsi in un processo di scontro tipicamente militare. È questo il caso della maggior parte dei movimenti terroristi rivoluzionari o separatisti in Europa, in Sud America, in Medio Oriente fino alla fine del XX secolo.

Oppure si ricorre alla tecnica detta del "Lone Wolf" (il lupo solitario) che consiste nel tenere un piede nella legalità e l'altro nella trasgressione giocando ideologicamente su una popolazione impressionabile per incitare i suoi elementi più fragili, più motivati a intraprendere un'azione individuale o a piccoli gruppi, colpendo dove possono, quando possono, come possono, non importa, purché tutto ciò abbia la firma del movimento e si inserisca nella strategia generale.

Questa tattica del Lone Wolf non è nuova, è molto antica e ben nota negli Stati Uniti ed è stata teorizzata da William Pierce nei suoi “Turner Diaries”, un bestseller negli Stati Uniti per quasi tutto il decennio degli anni Novanta e che ha ispirato la maggioranza dei violenti militanti della supremazia bianca e gli ultrafondamentalisti cristiani.

Questa tecnica è stata adottata negli attentati di Atlanta, Oklahoma City e in molti altre azioni individuali in cui il numero totale delle vittime è assai vicino se non superiore a quello delle morti dell'11 settembre.

È la stessa tecnica che è stata messa in opera da alcuni gruppi del Terzo Mondo, come i Lupi grigi in Turchia** o i Fratelli Musulmani nel mondo arabo e musulmano. Se alcune forme di violenza locali nel mondo arabo si rifanno al primo modello, è sicuramente seguendo il secondo modello che funziona la violenza jihadista esercitata verso l'Occidente e verso certi regimi arabi.

Tutti i servizi di sicurezza e d'intelligence sanno benissimo che non si combatte la tecnica di Lone Wolf con mezzi militari, divisioni corazzate, o una proliferazione di misure di sicurezza indifferenziate. Ci si oppone con misure di sicurezza mirate, sostenute da iniziative politiche, sociali, economiche, educative e culturali volte a prosciugare il vivaio di potenziali volontari, interrompendone i legami con i loro sponsor ideologici e finanziari.

Non solo (e qui mi riferisco a varie relazioni del Tesoro americano), nulla di serio è stato intrapreso per cercare di bloccare il substrato finanziario e tanto meno quello ideologico della violenza jihadista ma, nel designare Al-Qa'ida, come il nemico permanente contro il quale si deve condurre una crociata per vie militari e di sicurezza del tutto inadeguate alla sua reale natura, è come se avessimo usato un mitra per uccidere una zanzara!

Ovviamente abbiamo mancato la zanzara, ma i danni collaterali sono evidenti come si può constatare ogni giorno in Iraq, Afghanistan, Somalia, Yemen ...

E il primo effetto di questa crociata perduta è stato quello di alimentare il vivaio dei volontari, di legittimare questa forma di violenza, di farne il solo referente d’azione e d’affermazione possibile in un mondo musulmano il cui immaginario collettivo è adesso traumatizzato da una legge universale dei sospetti che incombe su di loro, con occupazioni e interventi massicci, interminabili e ciechi.

Da 9 anni, l'Occidente colpisce senza discernimento in Iraq, in Afghanistan, nelle zone tribali del Pakistan, in Somalia,in Palestina naturalmente, (e ci proponiamo ora di intervenire in Yemen e perché no, già che ci siamo, anche in Iran!), ma agli occhi dei musulmani, Bin Laden la fa sempre in barba al più potente esercito del mondo e il regime islamico dell'Arabia Saudita resta tuttora sotto la protezione assoluta dell'America.

In conclusione per tentare di dare il mio apporto alla questione sollevata in questa tavola rotonda "Dove si trova Al-Qa'ida?" ecco la mia risposta: Al-Qa'ida è morta tra il 2002 e il 2004. Ma prima di morire è stata “ingravidata” dagli errori strategici dell’Occidente e dai calcoli imprevidenti di un certo numero di paesi musulmani e così ha partorito i suoi piccoli figli! Il problema per noi adesso è quello di sapere se con questi sgraditi rampolli faremo gli stessi errori alimentando così un ciclo infinito di violenze o se, tanto per mantenere il riferimento a Ionesco, noi assieme ai nostri partner arabi e musulmani sapremo arrestare la proliferazione dei rinoceronti.

Grazie.


Testo trascritto da Arno Mansouri, direttore delle Editions Demi-Lune per ReOpen911.

Traduzione per Megachip a cura di Emanuela Waldis e Pino Cabras.

Alain Chouet (nato nel 1946) è stato diplomatico e agente dell'intelligence francese, segretario d'ambasciata a Beirut (1974-76), poi a Damasco (1976-79). È stato anche Direttore della divisione antiterrorismo alla DGSE (Direction générale de la Sécurité extérieure, la principale agenzia di spionaggio francese) dal 2000 al 2002.

Fonti: www.reopen911.info.


19 febbraio 2010

Fuochi d'estate sul Medio Oriente

di Simone Santini - clarissa.it.



"Israele si prepara a cominciare una guerra per la primavera o l'estate, ma la decisione non è ancora presa". Non sono i soliti rumors o le conclusioni di un analista ma le shoccanti dichiarazioni del nemico numero uno nella regione dello stato ebraico, il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad.
Il leader iraniano non ha precisato contro chi Tel Aviv possa scatenare il conflitto. È certo, e gli stessi israeliani non ne fanno mistero, che le Forze armate con la stella di David e i vertici politici sono pronti ad un nuovo attacco, soprattutto, contro Hezbollah in Libano, una ferita rimasta aperta con la guerra nell'estate del 2008. Fu una sorta di sconfitta militare e politica per Israele, che tuttavia ottenne un vantaggio strategico col dislocamento sul confine di forze d'interposizione europee (in particolare italiane, spagnole, francesi) col rischio permanente che queste vengano trascinate in un conflitto aperto con le milizie sciite libanesi, nel caso scoppi ancora la guerra.
Altro scenario di crisi sono ovviamente i Territori occupati, in particolare Gaza. E non è da escludere che Israele pensi di accendere una minaccia in tutta le regione per arrivare, con una progressiva escalation, fino a Teheran. Ma, allo stesso tempo, anche un attacco preventivo contro i siti nucleari iraniani è ormai ammesso come opzione reale da tutti gli osservatori.
Ahmadinejad, nel perfetto stile della retorica politica ad uso interno, mostra di non temere l'eventualità. "I Paesi della regione sono pronti a risolvere la questione una volta per tutte (con Israele)" sostiene, e anche nel caso di nuove sanzioni da parte occidentale "se qualcuno cercherà di creare problemi all'Iran la nostra risposta non sarà come quelle del passato. Questa risposta comporterà qualcosa per cui si pentiranno", adombrando così la possibilità del blocco del Golfo persico attraverso cui transita gran parte del petrolio mediorentale.
Il presidente continua la politica dialettica del doppio binario, mostrarsi forte per poter trattare. Infatti "la questione dello scambio di combustibile nucleare non è chiusa, l'Iran è sempre pronto ad uno scambio in una cornice di equità", ovvero che avvenga secondo modalità che garantiscano pienamente Teheran, ma che gli Stati Uniti hanno già rifiutato seccamente.

Cecità politica quella di Ahmadinejad? Probabilmente il presidente non si rivolge più agli occidentali, con cui il dialogo sembra ormai definitivamente compromesso, ma a Russia e Cina, gli unici paesi ormai in grado di sventare una nuova guerra in Medio Oriente. E proprio da Mosca, infatti, giungono in questi giorni i segnali più interessanti, e inquietanti.
Per il capo di stato maggiore russo, Nikolai Makarov, un attacco all'Iran avrebbe "conseguenze terrificanti non solo per l'Iran ma anche per noi, così come per tutto l'insieme della comunità asiatico-pacifica". E tuttavia il generale non ha escluso che gli Stati Uniti, una volta ottenuti i risultati sperati in Iraq e Afghanistan, possano concentrarsi sull'Iran, paese con cui la Russia stringe "tradizionali rapporti d'alleanza" nei settori più disparati.
E l'ex capo di stato maggiore (ricopriva tale carica all'epoca dell'11 settembre), il generale Leonid Ivashov, attualmente analista politico-militare e presidente dell'Accademia di problemi geopolitici, si spinge addirittura oltre. "Un attacco contro l'Iran è all'ordine del giorno. Con ogni probabilità verrà sferrato da Stati Uniti e Israele. L'Iran si trova in uno stato di totale vulnerabilità verso un'aggressione e sta intraprendendo ogni tentativo, politico, economico, militare, al fine di poter sopravvivere e proteggere la propria sovranità. Molte cose dipenderanno dalla posizione di Russia e Cina" ha detto il generale all'agenzia Ria Novosti.
E da Mosca i segnali non sono rassicuranti. Se ormai appare probabile che Medvedev appoggerà la politica di nuove sanzioni contro l'Iran presso il Consiglio di Sicurezza, il Cremlino ha annunciato il blocco della fornitura a Teheran del sistema difensivo missilistico S-300 il cui contratto era già stato stipulato da tempo. Il congelamento, secondo le autorità russe, avviene "per motivi tecnici ed a tempo indeterminato, finché non verranno risolti". Una falla non trascurabile nel sistema difensivo aereo iraniano.
Per far luce sui reali termini della questione può essere utile riferirsi alle dichiarazioni del primo ministro di Israele, Bibi Netanyahu, che negli stessi giorni dell'annuncio si trovava in visita diplomatica ufficiale a Mosca. In una lunga intervista al quotidiano Kommersant ed all'agenzia Interfax, Netanyahu ha illustrato dapprima il nuovo clima internazionale sull'Iran: "Quando dicevo che la più grande minaccia che l'umanità deve affrontare è il tentativo dell'Iran di dotarsi di armi nucleari, ricevevo scetticismo e molte sopracciglia sollevate, anche da Washington e Mosca. Ora non è più così. Esiste ormai una valutazione comune che l'Iran è sempre più vicino al suo obiettivo e che questo debba essergli impedito. Vi è la consapevolezza di essere in ritardo. [...] Il tempo delle sanzioni è ora. E queste sanzioni dovranno essere paralizzanti. [...] Nella comunità internazionale non è più in discussione ormai se l'Iran è un problema, se accumuli materiale nucleare da usare per lo sviluppo militare. Tutto ciò non è più in discussione. Ciò che è in discussione è solo quale tipo di sanzioni verrà applicato".
E a precise domande degli intervistatori sul collegamento tra lo stop della fornitura missilistica russa all'Iran e la minaccia israeliana di possibile sostegno al riarmo della Georgia, Netanyahu ha risposto con estrema abilità diplomatica: "Come fornitori di armi abbiamo cura di tenere conto di tutte le considerazioni in questo genere di rapporti, operando per la stabilità in regioni instabili, e ci aspettiamo che la Russia faccia la stessa cosa. [...] Ho accolto con soddisfazione le dichiarazioni di Medvedev (sul blocco delle forniture all'Iran) perché so che l'attuale politica russa è volta a promuovere la stabilità. Questa è buona politica. Non voglio dire di più e non confermo che abbiamo avuto colloqui su questo argomento. Il resto sono speculazioni della stampa".

E negli stessi giorni il segretario di Stato americano Hillary Clinton si trovava in missione diplomatica in un altro centro focale della crisi con l'Iran, la Penisola arabica. A Doha, nel Qatar, in un discorso davanti gli studenti del campus Carnegie Mellon, la Clinton ha lanciato l'allarme contro la deriva militarista di Teheran: "La vediamo in questo modo: crediamo che il governo iraniano, dal presidente al parlamento, sia stato soppiantato e che l'Iran stia andando verso una dittatura militare. E' il nostro punto di vista [...] Non attaccheremo l'Iran, stiamo invece cercando di unire la comunità mondiale per fare pressione all'Iran attraverso sanzioni delle Nazioni Unite. Queste pressioni saranno specificatamente rivolte alle imprese controllate dalla Guardia Rivoluzionaria [...ma...] è molto difficile restare passivi di fronte a un Iran armato e che continua a portare avanti il suo programma di armi nucleari".
Evocare un colpo di stato militare a Teheran (quasi una sorta di auspicio) può essere una delle tattiche utilizzate per indicare come ormai fuori controllo il regime iraniano, guidato da fanatici pronti ad usare le armi atomiche, e dunque giustificare qualunque intervento. Questo ha provocato la tagliente risposta del ministro degli Esteri iraniano Mottaki, a cui pare oggettivamente arduo controbattere: "Gli americani stessi sono imprigionati in una sorta di dittatura militare che impedisce loro di comprendere le realtà della regione. Cos'è dittatura militare: uccidere un milione di iracheni, per la gran parte innocenti, o stabilire scambi col popolo iracheno, accogliendo decine di migliaia di immigrati e aiutando il governo a mettere in sicurezza il paese, garantendone la sovranità, come stiamo facendo noi? Cos'è maggiore indizio di dittatura militare: attaccare sanguinosamente i matrimoni in Afghanistan o dare rifugio a tre milioni di afgani?".
La successiva tappa del viaggio della Clinton è stata Riyad per incontrare il re Abdallah. Scopo della missione, oltre rassicurare una Arabia Saudita che si troverebbe in prima linea in caso di attacco all'Iran, è la questione delle sanzioni e delle forniture energetiche destinate alla Cina. I sauditi forniscono già il 20% del petrolio di cui Pechino necessita, essendo il primo fornitore, seguiti proprio dagli iraniani con una quota del 15%. Gli americani vorrebbero che i sauditi fossero pronti a supplire col loro petrolio all'eventuale stop delle esportazioni iraniane in caso di sanzioni o peggio ancora di conflitto. Questo potrebbe rassicurare la Cina e spingerla a sostenere l'azione americana al Consiglio di Sicurezza, e tuttavia esporrebbe il paese del dragone al rischio di veder considerevolmente aumentare la quota del suo fabbisogno energetico sotto il controllo, diretto o indiretto, degli Stati Uniti, ovvero il proprio potenziale (o effettivo) antagonista nel contesto globale.
L'atteggiamento della Cina rimane una incognita, in una posizione estremamente delicata che corre sul filo della questione delle sanzioni. Nella precedente intervista già citata, Netanyahu ha mostrato estrema lucidità sul punto. Pur ribadendo, infatti, che le sanzioni devono essere applicate subito e in maniera aggressiva, il politico israeliano non si aspetta affatto che queste possano risolvere definitivamente il problema. Al contrario pare potersi interpretare che dal suo punto di vista (quello di un falco del "partito del bombardamento") come le sanzioni siano un semplice passaggio tattico destinato a risultare sostanzialmente inefficace ed a cui porre successivamente rimedio con una ulteriore escalation. Se, infatti, le sanzioni dovessero fallire, in questo gioco di continui rilanci, cosa arriverà dopo?

Fonte: clarissa.it

A lezione dal Mossad

di Giulietto Chiesa.

Quante volte, discutendo dell'11 settembre, mi sono sentito rivolgere domande sul funzionamento dei servizi segreti e sulla loro possibile connessione con attentati terroristici. Ogni volta è difficile spiegare a pubblici inesperti come funzionano le cose. Non ne capiscono un acca nemmeno molti giornalisti. I quali, infatti, da anni corrono dietro ad al-Qa'ida, che è la sigla, il logo, che non ha dietro un bel niente se non le capacità inventive della CIA, del Mossad e dell'MI-5.

Non ne capisce molto nemmeno quel degno e ammirevole intellettuale critico che si chiama Noam Chomsky, figuriamoci.

Per questo scrivo questa postilla alle istruttive rivelazioni che emergono dallo scandalo dell'assassinio, in Dubai, di Mahmoud Al-Mabhouh, uno dei principali dirigenti dell'ala militare di Hamas.

In scena, ovviamente, il Mossad, ma la firma non la si troverà mai. Gl'imbecilli che continuano a pensare che i complotti non esistono, non possono ovviamente capire un mondo dove il complotto è diventato la regola generale, inclusa la finanza e l'economia. Ma basta dare un'occhiata nel mucchio delle cose che si vedono, per capire come funzionano queste operazioni. Lasciamo stare i passaporti veri, rubati, con le foto false. A parte il fatto che il trucco ricorda da vicino quello che venne usato per rivelare le identità dei 19 terroristi presunti dell'11 settembre: questo è l'abc delle spie. Ma guarda invece chi ha partecipato all'operazione in Dubai.

Nota 1 – Il Mossad è imbottito di agenti arabi. Così come di ogni altra nazionalità immaginabile, in ogni scenario. Ma questo è solo il primo strato. Ce ne sono molti altri. Per esempio nelle indagini in Dubai sono incappati due ex funzionari della polizia politica palestinese (Ahmad Hasnain e Awar Shekhaiber). Nota l'”ex”. Lo erano. Adesso sono businessmen in Giordania. Si fa sempre così. E' la forma di outsourcing dei servizi segreti. Comunque sappiamo che il Mossad ha suoi uomini direttamente nei gangli vitali dell'Autorità Nazionale Palestinese di Abu Mazen. La quale è interamente al soldo della CIA. Si chiama infiltrazione. E poi andate a chiede ad Hamas di fare pace con Al Fatah: se vi ridono in faccia è perché sono gentili.

Nota 2 - Ma non penserete mica che il Mossad abbia le sue mani così corte da fermarsi agli amici degli amici! Infatti ha infiltrati anche dentro Hamas. E' finito in carcere, in Siria, uno dei più vicini consiglieri di Khaled Mashaal, il capo di Hamas. L'accusa è di essere stato la talpa per liquidare Mahmoud Al Mabhouh.

Nota 3 (storica) – A parte lo stranissimo “anarchico” Gianfranco Bertoli - che tirò la bomba contro la folla che stazionava attorno alla Questura di Milano dopo il passaggio dell'allora premier Mariano Rumor - (“anarchico” proveniente da un kibbutz israeliano, ex agente - per ammissione esplicita di Niccolò Pollari – prima del SIFAR e poi del SID) torna alla mente la rivelazione che Giovanni Galloni, stretto collaboratore di Aldo Moro, fece dopo l'assassinio dello statista democristiano. Sono le parole pronunciate da Aldo Moro in persona prima di essere rapito e ucciso: “La mia preoccupazione è questa: che io so per certa la notizia che i servizi segreti, sia americani che israeliani, hanno infiltrati nelle Brigate Rosse, ma noi non siamo stati avvertiti di questo, sennò i covi li avremmo trovati”.

Lo ricordo perché tutti (in particolare i più giovani) si guardino dalle sciocchezze che circolano e non mi chiedano più se io penso che CIA e Mossad avessero infiltrati nei gruppi terroristici che parteciparono all'11 settembre. Certo che li avevano! E che li hanno! Dunque ogni volta che un attentato produce morte e paura ricordatevelo sempre: loro come minimo sapevano, come massimo hanno partecipato. La percentuale azionaria varia da caso a caso.

17 febbraio 2010

Ammissioni governative: Mutanda Bomber è stato fatto entrare deliberatamente

di Webster G. Tarpley - Tarpley.net
Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras.

All'attentatore natalizio di Detroit è stato volutamente e deliberatamente consentito di mantenere il suo visto d'ingresso in USA in conseguenza di un lasciapassare di sicurezza nazionale emanato da una sinora sconosciuta agenzia USA dell'intelligence o delle forze dell'ordine con l'obiettivo di bloccare la revoca di tale visto prevista dal Dipartimento di Stato.

Questo emerge dalle audizioni svoltesi il 27 gennaio davanti alla Commissione per la sicurezza Nazionale alla Camera, in particolare dalla testimonianza di Patrick F. Kennedy, Sottosegretario di Stato per il Management.
La traballante versione ufficiale del governo USA sull'incidente del 25 dicembre a Detroit causato dal mutanda-bomber, maldestramente assemblata nel corso dell'ultimo mese e mezzo, ora è completamente crollata, e gli elementi chiave della rete canaglia che fomenta il terrorismo all'interno di agenzie e dipartimenti USA si presentano insolitamente vulnerabili nei confronti di una campagna di rivelazioni che sia risoluta.

Questi sviluppi confermano nettamente l'analisi fornita da chi scrive in un'intervista televisiva del 28 dicembre 2009 su Russia Today.

In tale occasione, la mia valutazione era che Mutallab fosse un capro espiatorio protetto, utilizzato da elementi canaglia della comunità dell'intelligence USA per la deliberata e intenzionale creazione di un incidente di alto profilo mirante a ottenere un effetto politico su grande scala. Il 4 gennaio, Richard Wolffe ha riferito nel corso del programma Countdown della MSNBC che la Casa Bianca di Obama stava indagando se per caso l'incidente di Detroit di Natale fosse stato "intenzionalmente" creato da una rete di intelligence con un'«agenda alternativa» [http://www.msnbc.msn.com/id/3036677/#34694889]

È stato in questo reportage che Wolffe ha posto l'alternativa «pasticcio oppure cospirazione.» Purtroppo, Obama il 5 gennaio ha optato per la versione raffazzonata.

Sulla base di quanto era già noto pochi giorni dopo l'incidente, era chiaro che le normali procedure di screening e sorveglianza siano state rigettate e interrotte in modo da consentire al giovane patsy nigeriano Omar Farouk Abdulmutallab di imbarcarsi nel suo volo da Amsterdam (Paesi Bassi) a Detroit. Il padre di Mutallab, un ricco, ben noto, e eminente banchiere nigeriano si era recato presso l'ambasciata degli Stati Uniti nel suo paese per avvertire formalmente un funzionario del Dipartimento di Stato, nonché un rappresentante della CIA sul fatto che suo figlio si trovava in Yemen e con tutte le probabilità intendeva accordarsi con i terroristi.

In circostanze normali, questo rapporto da solo sarebbe stato più che sufficiente per far revocare il visto statunitense di Mutallab nello stesso modo in cui gli era già stato negato l'ingresso in Gran Bretagna. Sarebbe stato anche di norma collocato sulla no-fly list, creando in tal modo due ostacoli insormontabili per poter salire sul volo destinato a Detroit e volar via fino a provocare un incidente che ha causato diverse settimane di isteria collettiva in questo paese, insieme alle richieste di body scanner negli aeroporti.

Inoltre, la comunità di intelligence USA aveva rapporti che riferivano che un nigeriano si stava addestrando con la presunta "al-Qa'ida nella penisola arabica" nello Yemen. Obama aveva convocato una riunione il 22 dicembre con i massimi funzionari di CIA, FBI e Dipartimento della Homeland Security per via delle relazioni su un imminente attacco terroristico durante le vacanze di Natale.

Il 27 gennaio le audizioni della Commissione per la Sicurezza Nazionale alla Camera sono state rivolte anche a Michael Leiter, il direttore assente ingiustificato del Centro Nazionale per il Controterrorismo, insieme a Jane Holl Lute, la direttrice della Homeland Security, che è stata delegata al posto della Segretaria della Homeland Security, Janet Napolitano, che ha boicottato le audizioni.

Ma la testimonianza importante è venuta da Kennedy, le cui responsabilità comprendono i Servizi consolari, e quindi i visti. Nel suo discorso di apertura, Kennedy si è prodotto in una circonlocuzione arzigogolata per descrivere quanto era successo. Nel tentativo di scongiurare la questione del perché il Dipartimento di Stato non avesse revocato il visto di Mutallab, Kennedy ha dichiarato: «Useremo l'autorità di revoca prima della consultazione interdipartimentale in circostanze in cui crediamo che ci sia una minaccia immediata. La revoca è uno strumento importante nel nostro arsenale presso la sicurezza delle frontiere. Allo stesso tempo, un coordinamento rapido con i nostri partner della sicurezza nazionale non è da sottovalutare. Ci sono stati numerosi casi in cui le nostre revoche unilaterali e non coordinate avrebbero troncato importanti indagini in corso da parte di uno dei nostri partner nella sicurezza nazionale. Avrebbero fatto sì che la persona oggetto di indagine e la nostra azione di revoca avrebbero rivelato l'interesse del governo statunitense nei confronti di quell'individuo e avrebbero posto fine alla capacità dei nostri colleghi di seguire tranquillamente il caso e individuare i piani dei terroristi e co-cospiratori.» (http://www.state.gov/m/rls/remarks/2010/135865.htm)

IL SOTTOSEGRETARIO KENNEDY: UN'AGENZIA SI E' OPPOSTA ALLA REVOCA DEL VISTO

Non sorprende che, il presidente della commissione della Camera sulla Homeland Security, Bennie Thompson (democratico del Massachussets) abbia voluto sapere che cosa realmente volesse dire. Ecco il suo scambio di battute con il Sottosegretario Kennedy:

THOMPSON: Okay. Quindi, benissimo. Così lui ha un visto. Allora, cosa implica questo? In questo processo, revoca il visto? Lo fa –
KENNEDY: Noi - come ho detto nel mio intervento, signor Presidente, se noi unilateralmente revocassimo un visto - e c'è stato un caso recente - avremmo una richiesta da parte di un'agenzia preposta alla tutela dell'ordine a non revocare il visto.
Ci siamo imbattuti in delle informazioni; abbiamo detto questa è una persona pericolosa. Eravamo pronti a revocare il visto. Ci siamo poi rivolti alla comunità e abbiamo detto: dovremmo revocare questo visto?
E uno dei membri - e saremmo lieti di indicarvelo, in privato - ha detto: si prega di non revocare il visto. Stiamo tenendo d'occhio questa persona. Stiamo seguendo questa persona che ha il visto al fine di sbrogliare un'intera rete, non di fermare solo una persona.

Così revocheremmo il visto di qualsiasi individuo che sia una minaccia per gli Stati Uniti, ma facciamo un passo preliminare. Chiediamo ai nostri partner nelle forze dell'ordine e nella comunità dell'intelligence: state tenendo d'occhio questa persona, e così volete che lasciamo che questa persona proceda sotto la vostra sorveglianza in modo che voi possiate potenzialmente spezzare una trama più estesa?

THOMPSON: Beh, penso che il punto a cui sto cercando di arrivare sia il seguente: si tratta solo di un altro pacco che lei sta controllando, o di qualche valore nella sicurezza da aggiungere a tale pacco, alla lista?

KENNEDY: La comunità dell'intelligence e delle forze dell'ordine ci dice che ritiene che in certi casi ci sia un’importanza più elevata da parte loro nel seguire questa persona così da poter trovare i suoi co-cospiratori e districare un'intera trama contro gli Stati Uniti, anziché semplicemente mettere fuori combattimento un solo soldato coinvolto in questo tentativo.

Quel che Kennedy sta dicendo è che la prevista routine burocratica stabilisce che il Dipartimento di Stato chieda alle altre agenzie di intelligence e delle forze dell'ordine che compongono la comunità dell'intelligence USA se per caso abbiano una qualche obiezione alla revoca di un visto. In questo caso, riferisce Kennedy, ci fu una obiezione di tale natura da parte di almeno un'agenzia, basata sull’affermazione secondo cui Mutallab era sotto controllo intensivo quale parte di un'operazione che avrebbe potuto portare alla scoperta e l'arresto di pesci molto più grandi.

Dobbiamo notare altresì che Kennedy è estremamente riluttante a parlare davanti alla commissione in seduta pubblica in merito a quale esattamente fosse l'agenzia di intelligence o delle forze dell'ordine, e che i membri della commissione non abbiano preteso una risposta immediata e diretta. Forse Kennedy ha loro riferito in seguito, dietro le porte chiuse di una seduta esecutiva segreta. Ma dopo settimane di isteria, il pubblico ha il diritto di sapere.

CLASSICO USO DI UN LASCIAPASSARE DELLA SICUREZZA NAZIONALE PER PROTEGGERE UN “PATSY”

Ciò cui assistiamo è un classico esempio di uso di un lasciapassare per la sicurezza nazionale da parte di talpe sovversive che esercitano le loro responsabilità più elementari di protezione di un capro espiatorio impedendo che sia arrestato o altrimenti disturbato finché al patsy sia possibile eseguire il compito assegnatogli e produrre l'incidente desiderato, con l'obiettivo di indurre una risposta ad alta intensità politica in forma di un'ondata di isteria collettiva.

Con questo metodo, il nome del capro espiatorio è in effetti segnalato in tutte le pertinenti basi di dati con la notazione che tale individuo è l'obiettivo di un'inchiesta in corso che non può essere disturbato a causa di sovrastanti questioni di sicurezza nazionale. Ciò significa che il patsy in questione è immune da arresto da parte della polizia stradale, dei funzionari aeroportuali e di frontiera, o qualsiasi altro funzionario delle forze dell'ordine. Il patsy è intoccabile, fino, naturalmente, a quando la provocazione terroristica non sia stata compiuta.

Varie presunte figure dell'11/9 avevano operato per lunghi periodi di tempo all'interno degli Stati Uniti, evidentemente sotto la copertura di tali lasciapassare di sicurezza nazionale.

Come hanno fatto le persone accusate di essere i 19 dirottatori dell'11 settembre a entrare e uscire da questo paese, ottenere dei visti, affittare appartamenti, acquisire conti correnti e carte di credito, ottenere patenti di guida, veicoli registrati, noleggiare auto, frequentare scuole di volo, e volare ripetutamente su linee aeree interne degli Stati Uniti? Come hanno fatto a sfuggire all'arresto per le violazioni del codice stradale, commesse da alcuni di loro? La risposta con ogni probabilità, sta nel fatto che erano state rese intoccabili per le forze di polizia ordinarie, perché i loro nomi erano stati contrassegnati con dei lasciapassare a livello di sicurezza nazionale che li rendeva immuni da arresto per infrazioni routinarie o per il fatto che i loro nomi figurassero nelle liste degli osservati speciali o in analoghi database.

Il parlamentare Michael McCaul (repubblicano del Texas) è ritornato su questa delicata questione nel suo interrogatorio del sottosegretario Kennedy, portando al seguente botta e risposta:

MCCAUL: Beh, penso che ci debba essere un coordinamento molto migliore in funzione qui, tra queste due entità. Signor Kennedy, perché alla luce delle informazioni che aveva non è stato revocato il visto?

KENNEDY: Signore, come ho detto prima, quando otteniamo qualsiasi informazione, quando chiunque appaia in una ambasciata americana e dica di avere dei dubbi su qualcuno, immediatamente generiamo ciò che viene chiamato un messaggio VIPER sui visti. L'abbiamo mandato a tutta la comunità delle forze dell'ordine e dell'intelligence --

MCCAUL: È un mio problema: capisco il processo. Ma voi avete avuto queste informazioni, e non avete revocato il visto.

KENNEDY: Perché… --

MCCAUL: voglio dire che il dispaccio che ho appena letto rende abbastanza evidente che quest’uomo è associato agli estremisti in Yemen, e non avete revocato il suo visto.

KENNEDY: Quel che era, signore, è che suo padre aveva detto che era associato a tutto ciò. E così abbiamo poi chiesto alla comunità dell’intelligence e delle forze dell’ordine se avessero ulteriori informazioni. Non voglio prendere molto del vostro tempo, e avrei il piacere di incontrarmi con voi in seguito.

Prendiamo atto ancora una volta della tremenda reticenza del sottosegretario Kennedy ad entrare nei dettagli del lasciapassare di sicurezza nazionale rilasciato nel caso del visto di Mutallab. Kennedy propone di spiegare tutto al parlamentare in privato, ma non alla luce piena della pubblica opinione laddove le sue parole finirebbero nella trascrizione della gazzetta Federal News.

CHIEDERE DI SAPERE CHI HA CONSENTITO A MUTALLAB DI MANTENERE IL SUO VISTO

Invece, è indispensabile per la salvaguardia delle istituzioni democratiche che tutti i dettagli siano resi noti su come al Dipartimento di Stato sia stato impedito di revocare il visto di Mutallab.

Vogliamo sapere quale agenzia ha chiesto che Mutallab non dovesse essere disturbato. Vogliamo sapere i nomi e gli incarichi ricoperti dai funzionari che hanno rilasciato il lasciapassare che ha prevalso sulla proposta del Dipartimento di Stato. Vogliamo che questi funzionari siano licenziati. Vogliamo che su questi funzionari ci siano inchieste accurate. Vogliamo che compaiano dinanzi a pubbliche udienze del Congresso. Vogliamo che siano oggetto di cause civili da parte delle compagnie aeree e altre parti interessate. Vogliamo scoprire la natura di eventuali reti di intelligence controllate privatamente a cui potrebbero appartenere.

Tale indagine potrebbe portare al di fuori degli Stati Uniti, e più in particolare verso il Regno Unito. Mutallab viene dalla Nigeria, una ex colonia britannica. Ha trascorso diversi anni a Londra, dove si trova la scuola del Londonistan di matrice MI-6 che forma capri espiatori estremisti islamici fondamentalisti e fanatici, dove lui è stato a quanto pare radicalizzato. Mutallab fu poi esposto e preparato in Yemen, un’altra ex colonia britannica, dove è stato messo in contatto con Awlaki, il lacchè della CIA, un noto doppiogiochista e agente provocatore.

Tenuto conto del fatto che Mutallab stava operando al di fuori degli USA, la CIA è un ovvio soggetto sospetto, ma non l'unico.

Ci sono tutte le ragioni per concludere che la rete canaglia di talpe che operano all'interno dell’intelligence degli Stati Uniti - altrimenti nota come il governo invisibile o governo ombra - sapeva che Mutallab stava arrivando, sapeva che avrebbe maneggiato un ordigno simile a una bomba, e voleva che entrasse nei cieli di Detroit.

(Se i gestori di Mutallab pensassero di affidargli una bomba che sarebbe realmente esplosa è una questione a parte.)

Hanno fatto tutto questo perché davvero volevano un’importante provocazione terrorista a carico della popolazione degli Stati Uniti, destinata a scatenare ondate di isteria islamofoba utile per il sostegno alle operazioni in corso in Afghanistan, Pakistan, Yemen, Somalia, e molto probabilmente contro l'Iran.

ALTRO CHE BODY SCANNER, SERVONO RILEVATORI ANTI-TALPA ALLA CIA E ALL’FBI.

I primi commenti su questo incidente hanno lamentato un’incapacità di unire i puntini. Da quel che emerge adesso, i puntini erano stati evidentemente uniti da parte del Dipartimento di Stato, ma la sua azione è stata bloccata da un lasciapassare emanato da un’altro ente.

Un'altra interpretazione popolare volta a coprire il fallimento dello screening e della sorveglianza a Natale tra Amsterdam e Detroit era che il nome di Mutallab era stato scritto male, una volta inserito nel database antiterrorismo di riferimento. Kennedy ha ammesso nella sua testimonianza, che un tale inserimento dei dati sia stato errato, ma un altro è stato immesso correttamente. Tutto questo deve essere visto con grande scetticismo.

A parte questi dettagli, dovrebbe essere chiaro a tutti che il resoconto ufficiale statunitense dell'incidente di Natale a Detroit è stato ora completamente confutato.

Non abbiamo bisogno di "body scanner" negli aeroporti. Abbiamo bisogno di installare rilevatori di talpe presso CIA, FBI, DIA, NSA, Dipartimento di Stato, NCTC, e presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale.

L'urgente necessità è ora quella di scoprire con precisione chi abbia emanato quel cruciale lasciapassare che ha permesso a Mutallab di mantenere il suo visto e di imbarcarsi sul volo per Detroit.

Tirando quel filo potrebbero seguire delle rivelazioni in grado di ricondurre alle reti che stanno dietro l’11/9, l'Iran Contra, e molto altro.

Le forze politiche amichevoli con Obama tendono a vedere questo caso come una messinscena volta a mettere in imbarazzo l'inquilino della Casa Bianca. Queste forze dovrebbero ora richiedere immediate udienze congressuali sulle affermazioni contenute nella testimonianza del Sottosegretario Kennedy.

Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras.

Fonte: tarpley.net.

Il link della commissione della Camera dei Rappresentanti per la Homeland Security: http://homeland.house.gov/Hearings/index.asp?ID=234.
All'interno c'è il pulsante per attivare il video dell'audizione del 27 gennaio 2010.

10 febbraio 2010

Surprising number of passengers on Flight AA77 that allegedly hit the Pentagon had military connections

by Pino Cabras - da voltairenet.org.



Many are the inconsistencies concerning Flight AA77 which allegedly struck the Pentagon at 9:37 a.m. on September 11, 2001. We will not enumerate them here; other articles on this site already provide a detailed list of them. But new elements have recently emerged, resulting from investigations carried out by independent journalists. We reproduce below an extract from Strategie per una guerra mondiale, a book by Pino Cabras. It brings to light the inordinate proportion of passengers on board Flight 77 who had ties with the military sector and who were officially reported dead on September 11, 2001 at the Pentagon.

The Voltaire Network article dealing with the cockpit door of Flight 77 [1] - which revealed disturbing details, little if at all examined by the official investigations, but which call for a closer look even by non-official investigations - had already drawn our attention to a certain number of the anomalies linked to that terrible day. The baffling profile of Charles F. Burlingame is but one anomaly. On board Flight 77 there was a high density of passengers who worked at classified positions in the Defense sector: between 16 and 21 persons out of a total of 58 passengers.

The majority were aerospace engineers. One of them, Mr. Yamnicky, who worked in that capacity for the Veridian Corp., was a longtime CIA operative. Another passenger on the list, Mr. Caswell, led a team of about one hundred scientists for the US Navy. Others worked for Boeing and Raytheon in El Segundo, California, on a project dubbed Black Hawk.

We present here some information regarding these noteworthy Flight 77 passengers, who belong to the lists which were obtained by scanning the obituary columns on the Web or in newspaper articles published in the days following the attacks.

1. John D. Yamnicky Sr., 71, from Waldorf (Maryland), was on a business trip on American Airlines Flight 77. He was a retired naval aviator, who retired as Captain in 1979 when he joined Veridian Corp., a Virginia-based military contractor, where he worked on fighter aircraft and air-to-air missile programmes. His son, John Yamnicky, said his father worked on the development of the F/A-18 fighter jet. After graduating from the U.S. Naval Academy in 1952, John Yamnicky Sr. became a Navy test pilot, flying an A-4 attack plane and would sometimes tell stories of his travels and Navy service in Korea and Vietnam. "He crash-landed five times and walked away from them each," said Cindy Sharpley, a friend of the family. "But not this last one." (AP, 2001)
He graduated from the Navy Test Pilot School at Patuxent River in 1960 and also obtained a Master’s Degree in international relations from George Washington University in 1966. He was promoted to Captain in 1971; he spent years on bases and aircraft carriers, first as a naval aviator, then as director of the U.S. Naval Test Pilot School at the Patuxent River Naval Air Station in Maryland and finally as a manager of various aircraft and weapons programmes for the Department of Defense.

2. William E. Caswell, born in Boston (Massachusetts) in 1947, was a third-generation physicist whose work at the Navy was so classified that his family knew very little about what he did each day. They don’t even know exactly why he was headed to Los Angeles on the doomed American Airlines Flight 77. "It was a trip he often took," said his mother, Jean Caswell. "We never knew what he was doing there because he couldn’t say. You just learn not to ask questions." [2]
In a Princeton University publication, his thesis director stated that, in the 80’s, when he learned that the US Navy was looking for a scientific expert for a classified project involving advanced technology, he submitted Bill Caswell’s name. «I didn’t take part in his daily work, although on all counts it was still related to his thesis : in no time he climbed to a top post to head a team of more than one hundred researchers in one of the most exacting branches of the US Navy.» His technical and managerial skills were appreciated by all his colleagues and earned him the highest rewards and distinctions from the U.S. Navy. In a twist of fate, it was precisely for this project that he was travelling on Flight AA77 and ultimately perished in the crash.

3. and 4. Wilson Falor "Bud" Flagg, 63, born in Millwood (Virginia), was a Rear Admiral in the US Navy and a pilot for American Airlines until his retirement. He was one of the three admirals censored by the US Navy in the context of the Tailhook conference scandal in 1991, relating to acts of sexual violence. His wife Darleen, also 63, died in the crash with him.
The Tailhook incident effectively ended his further advancement and prompted him to leave the Navy to join American Airlines. According to his nephew Ray Sellek, Flagg continued to pay frequent visits to the Pentagon to provide technical advice, and even had an office there.

5. Stanley Hall, 68, was from Rancho Palos Verde (California). He was director of programme management for Raytheon Electronics Warfare. “He was our dean of electronic warfare”, explained one his colleagues at Raytheon, a Defense Department supplier. Hall had developed and fine-tuned antiradar technologies. He was a sober and competent man, somewhat of a paternal figure. «Many of our young engineers considered him their mentor», declared Raytheon’s spokesperson Ron Colman.

6. Bryan C. Jack, 48, from Alexandria (Virginia), was responsible for crunching America’s defense budget. He headed the Pentagon’s programming and fiscal economics division. He was on his way to California to teach a course at the Naval Postgraduate School. His colleagues said he was a brilliant mathematician and top budget analyst. He had worked at the Pentagon for 23 years.
Jack had married artist Barbara Rachko in June 2001. She worked all week in her New York studio and they would only see each other on weekends, either at their Alexandria house or at their New York appartment. Barbara Rachko is a licensed commercial pilot and worked seven years as a naval officer. She was no longer on active duty but still served as US Navy reserve commander.

7. Keller, Chandler ‘Chad’ Raymond. Chad was born in Manhattan Beach (California) on October 8, 1971. He was an eminent engineer specialized in propulsion technologies and project manager at Boeing Satellite Systems. [3]

8. Dong Lee, 48, from Leesburg (Virginia), worked for Boeing Co. as an engineer.

9. Ruben Ornedo, 39, from Los Angeles (California), was a propulsion engineer at the Boeing Comany in El Segundo (California).

10. Robert Penninger, 63, from Poway (California), worked as an electrical engineer for BAE systems, a Defense Department supplier.

11. and 12. Robert R. Ploger III, 59, from Annandale (Virginia), was a software architect at Lockheed Martin Corp., and his wife Zandra Cooper.

13. John Sammartino, 37, from Annandale (Virginia), was technical manager at XonTech Inc. in Arlington (Virginia), a research and development firm linked to the military sector and specialized in defense missiles and sensor technologies. It was bought in 2003 by Northrop Grumman, another company that produces for the military. The holder of an AA Platinum card, Sammartino was an assiduous traveller and was headed for Los Angeles to attend a conference at the Van Nuys company, together with his colleage Leonard Taylor. After graduating from University, Sammartino had been hired as an engineer by the Naval Research Lab ; he had worked for XonTech Inc. for 11 years.

14. Leonard Taylor, 44, was technical group manager at XonTech Inc. He was born in Pasadena (California) and lived in Reston (Virginia). He graduated from Andover High Scool in 1975 and from Worcester Polytechnic Institute in 1979. [4]

15. Vicky Yancey, 43, from Springfield (Virginia), was going to attend a business meeting in Reno, but hadn’t planned to be on Flight AA77. Yancey, a former naval electronics technician, worked for the Vredenburg company, a Defense Department supplier. She had intended to leave Washington earlier but her departure was delayed due to a ticket problem, as her husband explained to the Washington Post. She called her husband ten minutes after boarding to let him know that she had finally managed to get a seat on the flight. [5]

16. Charles F. Burlingame III, 52, graduated from the U.S. Naval Academy in 1971 ; he was flight commander of AA Flight 77. Burlingame was a naval reserve officer and had even worked in the Pentagon wing that was struck by the plane [according to the official version, Note by the editor].

17. Barbara K. Olson, 45, was a conservative lawyer and commentator. She was known to television viewers as a self-assured, politically active journalist who represented the conservative mindset. In the Washington social and political landscape, she and her husband, Theodore B. Olson, formed a very influential couple. Theodore Olson was a high-profile lawyer who had successfully defended George W. Bush’s disputed Florida election before the Supreme Court. President Bush named Olson to the post of US Attorney General, entrusting him with the responsibility of shaping the Administration’s strategy vis-à-vis US courts.
The story of the telephone call is indeed very odd. Mr. Olson claimed that while he was in his office at the Department of Justice on Tuesday morning, he received a call from his wife allegedly made from a cell phone on board flight AA77 to tell him that the plane had been hijacked. This version was reprobated considering that it was impossible to use a cell phone from a plane. In a subsequent, modified version Barbara Olson was supposed to have used a passenger seat-phone. But as reported in another Voltaire Networkarticle, there is no record of any such call.
Married for 4 years, the Olsons were perfectly complementary in terms of style. As a television commentator, she was the more outspoken of the two, while he kept a low profile in consonance with his role as a constitutional lawyer in charge of the Republican establishment.
Barbara Olson was one of Bill and Hillary Clinton’s most relentless critics, against whom she conducted merciless investigations. Among other things, she wrote a book titled Hell to Pay (Regnery 1999), in which she disparages Hillary Clinton, followed by another one titled Final Days (Regnery, 2001), which was published posthumously. [6]

18. Karen Kincaid, 40, from Wahington D.C. A native of Iowa, she was a lawyer with the Washington firm of Wiley Rein & Fielding, specializing in communications legislation. She was on her way to Los Angeles to attend a conference on the wireless communications industry. With her husband of five years, Peter Batacan, also a lawyer working for another firm, Kincaid was training to take part in the upcoming Marine Corps Marathon scheduled for October 28.
Wiley Rein & Fielding is a powerful legal outift working for the Republican camp, that was involved in the vast legal action that helped Bush and Cheney overcome the controversial period of the post-2000 elections and which constituted an essential tool for the defense of «white collar» criminal cases.

19. Steven ‘Jake’ Jacoby, 43, was a vice president and chief operating officer of a paging and wireless messaging service called Metrocall Inc., based in Alexandria (Virginia), which ranks as the second largest paging company in the United States. « The fact that Metrocall’s technical operating network continued to function and provide critical communications during this horrific event was a tribute to Jake", said Co-worker Vice Kelly, Chief Financial Officer. In his last positon, Jacoby supervised the development of a multiple-frequency wireless messaging system for emergency worker and medical field use. It was Metrocall that supplied the equipment used by emergency responders who were on the scene in New York and Washington on 9/11 ...

It should be pointed out that the same disproportionate number of passengers with military connections can also be observed in respect of the other 9/11 flights.

Three Raytheon employees were on flight AA11 that crashed into the North Tower of the World Trade Center. Raytheon is one of the principal defense suppliers, and a pillar of the Global Hawk remote control technologies, highly cherished by the Pentagon. Among the various hypotheses which are impossible to prove, but which are nevertheless technically plausible and worthy of a deeper investigation, is the one concerning remote controlled aircraft.

There are a number of disturbing features about Raytheon. A USA Today article published in October 2001 announced that in August 2001 Raytheon had executed, six times over, a perfectly smooth test landing in a New Mexico air base involving an unpiloted Boeing 727 belonging to Fedex.

The system emitted radio signals from the end of the runway which were transmitted to the plane. The ground electronic devices coordinated their location through GPS. No pilot could intervene during the moneuvre. We’ll say it again : this is a technology which was fully operational and readily available in August 2001, one month before the fateful attacks.

Already at the beginning of 2001, a special plane linked to the Global Hawk programme had crossed the Pacific Ocean, from the USA to Australia, with no one on board.

As we have just seen, the main actors involved in these programmes as well as other aerospace experts were officially declared dead on September 11, 2001.

One of the objections often raised against the likelihood of an internal conspiracy hatched by the US institutions and intelligence apparatus is the difficulty, indeed the impossibility, of keeping such a secret when so many plotters and executors were involved. The architects of the tragedy we witnessed on 9/11 are in any case ruthless enough to also sacrifice those who might have blown the whistle, mixing them with the other victims. The remains of the victims were handled entirely by the military. It is therefore difficult to tell how and where the passengers died.

For the moment, this is merely a research hypothesis.

Pino Cabras

Italian journalist and Director of the alternative information site Megachip. His most recently published book is Strategie per una guerra mondiale. Dall’11 settembre al delitto Bhutto (Aisara, 2008).


This author's articles

To send a message

______________________
Additional remarks by Thierry Meyssan

When I was in Tehran in September 2002, I had the opportunity to discuss in depth the events of September 11 with Hussein Shariatmadari, Director of the Kheyan press agency and spokesperson for the Supreme Leader of the Islamic Revolution. It was my first encounter with someone who had such a detailed knowledge of the events. We continued our discussion until late in the day.
On this occasion, he shared with me the investigative findings of his associates. They had pursued the same hypothesis as the one advanced by Pino Cabras, but with far greater means at their disposal. They had constituted biographical profiles for each of the passengers on all four planes.
Their findings showed that 75% of the passengers had connections with the Pentagon, not only on flight AA77 but also on all the other flights
.

[1] September 11, 2001: Flight AA77 could not have been hijacked!, Voltaire Network, 30 November 2009.

[2] Excerpt from a Chicago Tribune article, September 16, 2001.

[3] Source: Los Angeles Times, September 21, 2001.

[4] Source: Globe Star, September 27, 2001.

[5] Source: Chicago Tribune.

[6] Source: New York Times obituary, September 13, 2001.